La vita in diretta del Funo, squadra che milita nel campionato ECCELLENZA di Bologna. Spazio aperto per i giocatori e i tifosi del DREAM TEAM

lunedì, agosto 03, 2009

Mondiali Nuoto Roma 09 alias FEDERICA PELLEGRINI

Digressione dal consueto ambito calcistico, per ricordare gli straordinari campionati del mondo ri Roma e in particolar modo il simbolo di questi mondiali, Federica Pellegrini. Non è campanilismo, ma una considerazione oggettiva. 2 medaglie d'oro, due record del mondo mostruosi e una prestazione in staffetta da pelle d'oca.

Sono stati i mondiali dei record del mondo, dei costumi al poliuretano e di un'Italia che voleva dare un'immagine luminosa di se, ritrovare agli occhi del mondo un tono non certo raggiunto con veline, escort e storie di materassi varie.

Al di la del profilo esclusivamente tecnico, che cmq è stato fenomenale (43 record alla fine), volevo soffermarmi sul profilo emotivo ed umano della manifestazione.

Personalmente, anche per miei (scadenti) trascorsi, sono sempre stato interessato all'Italnuoto; dai record di Lamberti ed ai suoi compagni del tempo, Battistelli, Sacchi...fino ai fasti dei Rosolino Brembilla, Fioravanti e Magnini...ma questi mondiali hanno trasmesso sensazioni uniche, ben lontane da quelle che ho provato con gli altri sport.

Federica, già personaggio internazionale prima di questa manifestazione, ha portato l'Italia in vasca, ha unito un paese che tanta voglia aveva di 'farsi vedere' e 'farsi amare'.
Personaggio incredibile, tanto che la sua timidezza la rende ancor più magnetica e carismatica. Un su cenno in acqua, fuori, durante le interviste è sempre accolto e ricambiato.
Fede è l'immagine dell'Italia che col talento e la fatica riesce a colmare gap impensabili con potenze inarrivabili. Fede è quell'Italia che fatica, suda, piange, ride, ma è anche piena di talenti così incrediblmente straordinari.

Rivedere su youtube le immagini delle 2 vittorie, ma soprattutto di quelle mostruosa rimonta in staffetta, emula avvenimenti sportivi per me indimenticabili (Schumy, la V...il Bologna di Kolvanov, i mondiali 06 col Caressa indemoniato).

Un grazie ache a tutte le altre ragazze, ad Alessia Filippi certo, altra straordinaria interprete e anche ai maschietti, seppur in evidente fase di ricambio generazionale.

Un mondiale straordinario con una protagonista straordinaria.

Nessun commento: